Dopo aver parlato di Facebook, Instagram, LinkedIn e Tik Tok, oggi ci soffermiamo su Twitter. Vediamo come funziona il famosissimo social network dai messaggi brevi.


Twitter, come si utilizza

Twitter è un social network nato nel 2006; si differenzia dalle altre piattaforme digitale perché è caratterizzato dall’uso di messaggi brevi (prima 140 caratteri, diventati poi 280), e per questo molti lo definiscono una piattaforma di micro blogging. Su Twitter non esistono gli “amici” come su Facebook. Ogni profilo ha i followers (gli utenti che lo seguono) e i following (gli utenti che vengono seguiti).

C’è una timeline (o cronologia) dove si trovano tutti i tweet dei profili o degli hashtag che seguiamo e le “tendenze per te”, i trend topic sugli argomenti che hanno avuto più tweet nelle ultime 24 ore nella propria regione.

TwitterI contenuti da postare e l’importanza della menzione e degli hashtag

Twitter è il social dell’immediatezza. Poche parole, efficaci e che si rifanno ad un determinato argomento, ed il messaggio è pronto per l’invio.

Come per gli altri social, ci si possono scambiare messaggi. Basta infatti usare la @ per menzionare qualocuno ed avviare una conversazione visibile a tutti. Molto usato è anche l’hashtag che etichetta i contenuti, che permettono agli iscritti di cercare velocemente un argomento e partecipare ad uno scambio di idee.

Al centro degli ultimi giorni la polemica che coinvolge i Måneskin, il gruppo italiano che ha vinto l’Eurovision 2021. Tutto nasce, infatti, da un tweet di un giornalista del giornale Paris Match, Mariana Gréinet, ripreso subito da diversi utenti su Twitter e poi sugli altri social, che accusava il leader Damiano di avere atteggiamenti sospetti dovuti alla testa chinata sul tavolo.

Un esempio che mostra la grande potenza di Twitter, un semplice tweet che ha innescato un grande polverone mediatico.

Twitter: perché lo amano anche i politici

Viene utilizzato frequentemente dai leader politici di tutto il mondo per comunicare tra di loro e dalle testate giornalistiche per veicolare informazioni.

Molti utenti, infatti, utilizzano questo social per informarsi sulle ultime notizie. Seguendo i profili delle testate giornalistiche o del Presidente del Consiglio, dei senatorio o deputati, si possono avere tantissime informazioni in tempo reale.

Ma non solo: oltre i politici, anche il Papa è presente su Twitter, così come molte celebrità che “cinguettano” per restare sempre in contatto con i propri fan. L’importante è saper selezionare le notizie perché, come in tutti i social network, non mancano i profili fake.

twitter

VUOI RESTARE SEMPRE AGGIORNATO? LEGGI IL NOSTRO BLOG!