La maggiore sicurezza informatica è un tema che sta a cuore a tutti dato che internet è sempre più parte integrante della propria vita e sul web si inseriscono tantissimi dati privati.


La maggiore sicurezza informatica continua ad essere un tema caldo, e non riguarda soltanto i social network, come Facebook, Instagram e Twitter, ma anche il più complesso mondo web.
Ne hanno discusso anche i deputati del Parlamento europeo il 12 marzo che hanno adottato in via definitiva l’Atto sulla sicurezza informatica con 586 voti favorevoli, 44 contrari e 36 astensioni.

L’obiettivo è quello di migliorare la risposta europea alle sempre più numerose minacce informatiche: sia quelle agli ambiti della vita quotidiana, come l’elettricità, le comunicazioni e l’acqua, che quelle legate ai dispositivi web.

Maggiore sicurezza informatica, cosa pensano gli utenti

La sicurezza informatica è una prerogativa per gli utenti che trascorrono ogni giorno ore e ore sul web. Secondo un sondaggio realizzato da Eurobarometro, l’87% dei cittadini europei considera che la lotta al crimine informatico è una sfida importante per la sicurezza interna dell’Ue, mentre la maggior parte di loro ha paura di poter essere vittima di un attacco informatico.

La paura arriva soprattutto dalla vulnerabilità che hanno molti dispositivi e siti internet, e con le nuove norme ci si potrebbe sentire più sicuri di navigare online.
Questo cambiamento sarà messo in atto grazie alle risorse finanziarie e umane che riceverà l’Agenzia europea per la sicurezza delle reti e dell’informazione. Un passaggio che porterà anche ad intensificare la cooperazione sulla sicurezza informatica fra gli Stati membri.

Italiani e internet, quali sono le ricerche online più frequenti

Secondo il report pubblicato da “We are social” il 53% dei 7,6 miliardi di persone stimate accede quotidianamente alla rete, mentre il 42% utilizza i social network e di questi, 9 su 10 accedono da smartphone, tablet, e/o altri dispositivi mobili.

Ma cosa fanno gli italiani online? Facendo riferimento agli e-commerce gli utenti del bel paese cercano offerte relative a viaggi, come aerei e alberghi, al tempo libero (concerti e partite), salute, moda e bellezza, ed infine mobili e tecnologie. La paura più grande per tutti però rimane quella di effettuare acquisti online, anche su siti sicuri, che possano portare al furto dei dati sensibili o peggio della propria carta di credito.